Home |  INPS  |  Servizi Inps  |  Informazioni Inps  |  INPDAP  |  Prestiti Inpdap  |  Dipendenti  |  |  Pubblicità

Contributi Inps

Contributi Inps, contributi minimi, massimi e volontari
I contributi Inps sono obbligatori, in quanto dovuti per legge, e quindi indipendentemente da eventuali accordi tra lavoratori e datori di lavoro. I contributi ai fini pensionistici dovuti all`Inps vengono calcolati in percentuale sulla retribuzione ovvero sulla busta paga: una parte del contributo è a carico dell`azienda e una parte a carico del lavoratore.
La retribuzione si considera costituita da tutte le voci che contribuiscono a formarla, sia in denaro che in natura, ed è al lordo di qualsiasi ritenuta.
Aliquote contributi gestione separata Inps
La legge di stabilità 2014
ha modificato le aliquote contributive per la gestione separata:
- per gli iscritti alla gestione separata Inps, già assicurati con altre forme previdenziali obbligatorie o titolari di pensione, l’aliquota viene elevata al 22%
- Per i lavoratori autonomi(compresi liberi professionisti), iscritti in via esclusiva alla gestione separata, l`aliquota contributiva rimane fissata al 27%.
- Per tutti gli altri soggetti iscritti in via esclusiva alla gestione separata, l’aliquota contributiva rimane al 28 per cento.
ALTRE INFORMAZIONI UTILI
Condizioni e convenzioni per i prestiti ai pensionati Inps
Come utilizzare i prestiti online per risparmiare interessi.
Risolvere problemi economici con il consolidamento debiti
Calcola tu stesso il tasso effettivo dei finanziamenti

Torna a INPS




Prelievo dei contributi Inps
Il prelievo dei contributi Inps avviene direttamente dalla busta paga: il datore di lavoro, infatti, preleva una somma dalla retribuzione per poi versarla all`Inps.
Il sistema di previdenza degli iscritti nel regime generale dell`Inps è finanziato con un prelievo contributivo rapportato alla retribuzione corrisposta ai lavoratori e, per altre, a retribuzioni convenzionali.

Il contributo obbligatorio Inps
Il contributo obbligatorio Inps è per definizione “obbligatorio“, in quanto dovuto per legge indipendentemente da eventuali accordi tra le parti.
L`Inps è tenuto a riscuotere i contributi dovuti per i seguenti tipi di assicurazioni:
IVS (Invalidità, Vecchiaia e Superstiti) contributi validi per la pensione; DS (Disoccupazione); CUAF (Assegni Familiari);

Calcolo contributi Inps minimali
I contributi Inps vengono calcolati in percentuale sulla retribuzione: una parte dei contributi è a carico dell`azienda e una parte è a carico del lavoratore.
La retribuzione imponibile per il calcolo dei contributi Inps non può essere inferiore alle retribuzioni stabilite da leggi, regolamenti, contratti collettivi nazionali, ovvero da accordi collettivi o contratti individuali.


Calcolo contributi Inps massimali
Esiste un tetto di retribuzione, oltre il quale non si versano i contributi. Tale limite, che per il 2013 è stato pari a € 75.883,00, si applica, però, soltanto a coloro che hanno iniziato a lavorare dal 1° gennaio 1996 e sono privi di precedente copertura assicurativa e a chi opta per il calcolo della pensione con il sistema contributivo. Il tetto è adeguato in base all`indice Istat.

Contributi Inps commercianti e artigiani
Sono tenuti al versamento dei contributi all`Inps gli artigiani e i commercianti titolari dell`attività e i loro familiari collaboratori. I contributi si calcolano in base al reddito denunciato ai fini IRPEF per l`anno al quale i contributi si riferiscono. Il versamento va effettuato sui dei redditi d`impresa dichiarati l`anno precedente. Nell`anno successivo andrà effettuato un conguaglio.

Contributi Inps gestione separata
E’ il contributo dovuto all`Inps, previsto dalla legge (legge 335 del 1995), dai lavoratori autonomi che esercitano attività professionale, per la quale non era prevista una forma assicurativa pensionistica. Il contributo Inps confluisce in una Gestione Separata ed ha lo scopo principale di garantire una pensione (invalidità, vecchiaia e superstiti) con un minimo di 5 anni di versamenti.


Versamento contributi inps
Il datore di lavoro tenuto al versamento dei contributi Inps deve presentare la denuncia delle retribuzioni e dei contributi versati servendosi del modello DM/10 entro il giorno 16 del mese successivo a quello cui si riferisce la retribuzione.
Entro la stessa data vanno pagati i contributi Inps tramite il modello F24.

Contributi Inps volontari
I lavoratori dipendenti che interrompono l`attività, possono chiedere all`Inps di proseguire volontariamente la contribuzione per raggiungere il diritto alla pensione o per aumentarne l`importo. L`importo del contributo volontario Inps viene determinato applicando l`aliquota contributiva, alla retribuzione percepita nelle 52 settimane precedenti la data di presentazione della domanda.

Contributi Inps dipendenti
I contributi Inps si calcolano sulla retribuzione lorda del lavoratore, e dipendono dall`attività esercitata dall`azienda, dalla posizione dei lavoratori in azienda e dalla retribuzione imponibile. Ai fini del calcolo dei contributi Inps, si considera come retribuzione tutto ciò che il lavoratore percepisce in denaro o in natura. L`aliquota è pari al 33% per la generalità dei lavoratori.

SERVIZI ALL'UTENTE DEL NOSTRO NETWORK
Abbiamo realizzato una serie di portali su tematiche fondamentali per la vita di ciascuno, ma che spesso risultano ostiche. Per questo abbiamo usato un linguaggio semplice per spiegare gli aspetti più importanti, cercando anche di dare buoni consigli.
La previdenza complementare
Riforma delle pensioni
La pensione integrativa
Calcola la tua pensione
Difendersi dalle banche
Come investire i risparmi
Finanziamenti imprenditoria giovanile
Mutui prima casa
Il conto corrente
Mutui ristrutturazione
Consolidamento debiti
Prestiti ai pensionati
Prestiti ai dipendenti
Cessione del Quinto
Calcola il rendimento
Calcola la rata
Calcola il tasso
Quanto puoi richiedere

Richiedi GratisTi occorre un avvocato?
Segnalaci brevemente il tuo caso e ti metteremo in contatto con i migliori avvocati della tua città.